Lifestyle

5 giochi in piscina da fare con tutta la famiglia

Il campeggio è il luogo ideale per divertirsi, soprattutto se si ha a disposizione uno specchio d’acqua in cui fare dei divertenti giochi in piscina con la famiglia.
Che si tratti di una giornata piena di amici dei vostri figli, di una festa di compleanno o di un tranquillo pomeriggio di relax in famiglia, avere una vasta scelta di giochi in piscina per bambini è un ottimo modo per non far annoiare nessuno.
Non preoccupatevi se non avete una scorta di giocattoli, palloni e galleggianti a portata di mano: ci sono molte attività divertenti da fare anche senza giochi a portata di mano.

giochi in piscina sottoacqua

Ecco 5 giochi in piscina da svolgere con tutta la famiglia.

Olimpiadi in famiglia

Sfidate la famiglia a gareggiare da un capo all’altro della piscina, senza bisogno di allenamento.
L’unica regola per rendere questo gioco in piscina ancora più divertente? Nessun partecipante può nuotare con il classico stile libero. Ogni gara, infatti, deve richiedere modi diversi per attraversare la piscina.
Potete sfidare i famigliari nel fare le vasche nello stile rana, a farfalla o con la pancia in alto: in questo modo ogni nuotatore potrà trovare lo stile preferito in cui è più veloce. Così i vincitori saranno diversi ogni volta e tutti potranno svagarsi per qualche momento.

Marco Polo

Questo gioco molto famoso negli Stati Uniti non è così conosciuto in Italia nonostante porti il nome dell’esploratore veneziano Marco Polo.
Per giocare bastano almeno tre giocatori; più ce ne sono meglio è, ma il gioco è comunque divertente anche con piccoli gruppi. Un giocatore viene scelto per essere il primo protagonista: lui o lei deve chiudere gli occhi, promettendo di non sbirciare.
Il protagonista dirà ad alta voce “Marco” e gli altri giocatori si sparpagliano intorno alla piscina e rispondono con “Polo”. La persona che ha gli occhi chiusi cercherà di toccare gli altri giocatori, affidandosi a sensi diversi dalla vista. Quando un giocatore viene toccato, diventa il protagonista e sarà lui a dover gridare “Marco”.

Squali ed esche

Simile a Marco Polo e ugualmente gradevole ecco il gioco per l’acqua “Squali ed esche” da fare in famiglia. Una persona viene nominata squalo, mentre gli altri giocatori sono le esche. Questi ultimi possono trovarsi all’esterno della piscina per iniziare un round oppure restare aggrappati al bordo.
Quando lo squalo grida: “Entrano le esche”, tutti gli altri iniziano a nuotargli intorno, cercando di evitarlo. Se lo squalo afferra un altro giocatore, anche quest’ultimo diventa uno squalo e inizia a dare la caccia agli altri.
L’ultima esca che nuota diventa lo squalo per il turno successivo. “Squali ed esche” è sicuramente più divertente con tanti giocatori in un’ampia piscina, il che lo rende un gioco di nuoto ideale per le feste.

Caccia al tesoro

Riempite delle bottiglie di plastica di varie dimensioni con dell’acqua, compresa una bottiglia di plastica da 2 litri.
Assicuratevi che il tappo sia bianco o di un colore simile a quello delle piastrelle della piscina. Gettate i contenitori in piscina mentre i giocatori si allineano lungo il bordo con le spalle rivolte all’acqua. Non appena qualcuno dà il via, i partecipanti possono tuffarsi in acqua per recuperare le bottiglie mimetizzate una alla volta.
Ogni bottiglia vale una certa quantità di punti; la bottiglia più piccola vale più punti. Vince chi raccoglie il maggior numero di bottiglie con il maggior numero di punti totalizzati!

La staffetta

Questo è un ottimo gioco per le feste in piscina e funziona più o meno come qualsiasi altra staffetta.
Fate in modo che ogni giocatore cerchi di portare una pallina da una parte all’altra senza toccarla; se la toccano devono ricominciare da capo.
I giocatori possono ad esempio soffiare oppure spingere la palla con le onde provocate dai loro movimenti.
Potreste renderlo più divertente facendo nuotare i giocatori fino alle due estremità con una pallina da ping pong su un cucchiaio.

Ogni estate tenete in repertorio questi divertenti giochi da fare in piscina.
Sono sicuri, non sono difficili da mettere in atto e sono attività che piaceranno ai più piccoli, nonché agli adulti.
Anche i più grandi si divertiranno con i giochi che facevano quando erano bambini.
Un altro vantaggio di tutti questi giochi è che permettono ai bambini di nuotare e di migliorare i loro movimenti in acqua.

Adesso che sappiamo quali sono i giochi acquatici ideali, è fondamentale discutere alcuni aspetti importanti per garantire la sicurezza di tutti, adulti e bambini inclusi.

giochi in piscina con la palla
Foto di Kindel Media

Il momento giusto per i giochi in piscina

Quando il sole raggiunge il suo apice e il caldo diventa soffocante, la tentazione di immergersi in piscina è forte.
L’acqua fresca può offrire un sollievo immediato dal calore, e l’idea di trascorrere un pomeriggio giocando in acqua sembra perfetta.
Tuttavia, a causa delle alte temperature, è vitale scegliere con attenzione i momenti più adatti per godersi questi piacevoli momenti.

Gli orari più opportuni per i giochi in piscina sono generalmente nel tardo pomeriggio, intorno alle 18:00 o 18:30, oppure la mattina fino alle 12:00.
Nel tardo pomeriggio, la temperatura dell’acqua rimane gradevole e il sole non è più così intenso.
Durante la mattina, uscire dall’acqua prima di mezzogiorno significa evitare le ore più calde del giorno, riducendo il rischio di scottature solari o colpi di calore.
È raccomandato evitare la piscina dalla tarda mattinata al primo pomeriggio per prevenire esposizioni prolungate al sole in momenti di massima intensità UV.

Precauzioni speciali per i bambini

Per i bambini, queste raccomandazioni sono ancora più cruciali.
I più piccoli sono infatti più suscettibili agli effetti nocivi di un’eccessiva esposizione solare, come scottature o disidratazione.
Per loro, è essenziale non solo scegliere gli orari più sicuri, ma anche assicurarsi che ci sia sempre una supervisione adeguata.

Supervisione costante

Un altro punto di estrema importanza è la supervisione. I bambini non dovrebbero mai essere lasciati da soli in piscina.
Deve sempre esserci un adulto responsabile a vigilare, pronto ad intervenire in caso di necessità.
Questo non solo previene incidenti ma assicura anche che le attività acquatiche si svolgano in un ambiente sicuro e controllato.

Ora non resta altro che tuffarsi: splash!

Ti potrebbe interessare