Lifestyle

Cinema e camper: un connubio stellare

Cinema e camper è un connubio stellare, che non solo rimanda ai film che hanno fatto di questo veicolo un simbolo di libertà, ma anche alle star di Hollywood che hanno fatto del camper un elemento fondamentale della loro vita quotidiana. Cosa hanno in comune Matthew McConaughey, Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantin? Ebbene sì la passione per il camper. I loro sono gioielli su ruote, esclusivi e corredati di tutti i comfort, spesso utilizzati solo per gite di qualche giorno o in alcuni casi come status symbol di una generazione di attori votata alle vacanze sostenibili, lontane dai riflettori e dai fan. Il camper diventa allora il mezzo ideale per allontanarsi dalla folla, cercare posti da esplorare e a contatto con la natura.

cinema e camper

 

APC, l’Associazione Produttori Caravan e Camper, in occasione della prossima edizione degli Oscar ha scovato le star che amano di più il camper, proprio come Matthew McConaughey, attore e sceneggiatore americano con una profonda passione per il camper al punto che per un anno intero ha lasciato la sua casa a Malibu per vivere in una roulotte vintage. E ancora Jason Momoa, famoso per il Trono di Spade e per il ruolo di Aquaman, appassionato di montagna e di arrampicata, ha deciso dopo il divorzio di lasciare la sua casa sulle colline di  Topanga e di vivere la sua vita all’aria aperta nel suo camper extralusso. Una casa mobile che permette all’attore di continuare la sua vita itinerante e di girare gli Stati Uniti senza limiti.

Matthew McConaughey e il camper

La star indiscussa Leonardo DiCaprio, sceneggiatore, produttore cinematografico e ambientalista statunitense ha un camper che è semplicemente da sogno, essendo un amante del lusso, ha optato per una vera e propria villa su quattro ruote; completa di bagni con docce personalizzate, specchi sui soffitti, pavimenti in marmo, riscaldamento diffuso, sette televisori sparsi nelle varie stanze e due sontuosi salotti. E poi ci sono registi geniali come. Quentin Tarantino che ha utilizzato il camper come strumento narrativo all’interno delle sue sceneggiature. Più nello specifico nei film “Dal tramonto all’alba” e “Kill Bill 2”. Nel primo caso, molte scene sono ambientate all’interno del motorhome, che si dimostra un punto cardine a livello narrativo. Nel secondo film, “Kill Bill 2”, il camper  è il luogo di uno scontro fondamentale tra due protagonisti. Sono proprio gli spazi piccoli a rendere la battaglia più dinamica e ricca di acrobazie.
Ma è in un profondo e delizioso film di formazione del 2006, Little Miss Sunshine che il camper diventa il protagonista di un viaggio anche interiore fatto dalla famiglia Hoover per accompagnare la piccola Olive a un concorso di bellezza in California. Da allora, il veicolo ricreazionale si è evoluto in dimensioni, tecnologia e comfort ma ha mantenuto il suo valore sociale, attraverso il quale non solo scoprire il mondo al proprio ritmo, ma anche conoscere se stessi.

 

Ti potrebbe interessare