Camper di Lusso

Laika Kosmo L 319, scopri il nuovo semintegrale classico entro i sette metri

Presentata la scorsa estate, con il debutto internazionale per la stampa a luglio 2023, ed esposta nelle fiere internazionali di agosto e settembre, la nuova generazione dei Laika Kosmo è stata profondamente aggiornata tecnicamente con le migliori tecnologie attuali e ha beneficiato soprattutto di un profondo restyling con il contributo di GFG Style, l’azienda di design fondata da Giorgetto e Fabrizio Giugiaro, istituzioni mondiali del settore automotive.

I modelli di Laika Kosmo

Sono due le tipologie costruttive del nuovo Kosmo, con un totale di cinque diversi modelli. Cambia la denominazione, uniformandosi a quella già in uso per Ecovip e Kreos, una sorta di dichiarazione di appartenenza all’universo Laika: la gamma dei profilati diventa Kosmo L, con i tre modelli L 319, L 409, L 412 DS, disponibili con o senza letto basculante anteriore, mentre i motorhome diventano Kosmo H nelle due versioni H 1319 e H 1409.

La dinamica di identificazione dei modelli rimane identica alle altre famiglie Laika: la serie 3 identifica quelli con lunghezza da 6-7 metri, la serie 4 è quella per lunghezze superiori. Le numerazioni seguono la stessa logica.

Il telaio del Laika Kosmo

La base meccanica dei Kosmo è quella del telaio Fiat Ducato 35 Light con chassis ribassato Camping Car Special (CCS), con cabina per i semintegrali e “scudata” per i motorhome. La motorizzazione di base è il classico Multijet III da 2.2 lt con 140 cv di potenza e cambio manuale. Piuttosto completa la gamma di accessori già presenti di serie, che comprendono sedili girevoli, paraurti in tinta, retrovisori elettrici riscaldati, cruise control, start & stop, climatizzatore manuale, doppio airbag, chiusura centralizzata con telecomando e tutti i principali sistemi standard di assistenza alla guida del Fiat Ducato come ESC, ABS, ASR, Hill Holder, Roll Over Mitigation, Crosswind Assist, Trailer Stability Control System, Post Collision Braking System. I gruppi ottici posteriori, dal design moderno e molto attuale, sono formati da due barre orizzontali e sottili a led.

La gamma di telai Fiat Ducato Base Camper è molto ampia, con ben 5 misure di interasse /passo, 6 differenti lunghezze con portata fino 4,4 tonnellate, 3 motori e oltre 600 versioni, che consentono di trovare la base adatta per ogni tipo di cellula e layout di camper, con carreggiata posteriore allargata a 1.980 mm (+ 190 mm rispetto al telaio standard del Ducato).

Il telaio Chassis Special è il top di gamma tra le basi per camper di Fiat Professional. È più basso, per maggiore comodità e stabilità di guida, più leggero, con maggiore portata utile, una migliore maneggevolezza e più spazio dedicato alla cellula abitativa.​

Il telaio può essere con la cabina di guida del furgone originale compresa nel semintegrali e nei mansardati o nella versione cosiddetta “scudata”, ossia il solo pianale con motore e i soli interni della cabina di guida, sedili e cruscotto, destinata ai motorhome.

Il design

L’estetica della gamma 2024 Kreos, come accennato, è frutto della collaborazione tra la casa toscana e la GFG Style, azienda fondata da Giorgetto e Fabrizio Giugiaro, nomi che non hanno bisogno di presentazioni nel campo del design automotive. Il sodalizio tutto italiano tra campioni di stile ha garantito che i nuovi Kosmo potessero vantare un aspetto esterno decisamente elegante e distintivo, immediatamente riconoscibile, con forme armoniche e accattivanti. Per i semintegrali, il cupolino in monoblocco di vetroresina raccorda in maniera fluida la cabina con la cellula, evidenziando una linea che mette in risalto l’ampio skyview panoramico anteriore, mentre il Kosmo Motorhome, riprende l’impostazione stilistica della calandra alveolare del Kreos Motorhome. La parte posteriore esalta il logo Laika, con i gruppi ottici a led che sottolineano un aspetto deciso e molto attuale. La personalità dello stile è rafforzata dalla bicromia sul bianco, con accessori, decal e dettagli in nero brillante che slanciano la linea, conferendo un’immagine molto automotive, esaltata dal logo Kosmo cromato sulla calandra. Un dettaglio molto piccolo, che può forse sfuggire, ma che vuole essere un inno allo stile italiano, è il piccolo logo tricolore della bandiera nazionale sugli specchietti.

Il modello L 319 che vedete in questo articolo è la taglia più “piccola” dei nuovi semintegrali Kosmo per la gamma 2024 di Laika, meno di sette metri (695 x 232 x 295 cm le misure complete l x l x a), una misura sempre più apprezzata per gli innegabili vantaggi che offre, come la possibilità di percorrere la terza corsia in autostrada o perché è il limite massimo per pedaggi o traghetti prima di salire di classe e, conseguentemente, di costi. Compatto e slanciato, si propone come un vero “jolly” per la coppia, con o senza figli. È possibile averlo infatti senza il letto basculante centrale, con un sensibile risparmio di pesi, opzione comoda per aumentare i margini di carico.

La struttura

Per la struttura della cellula, per la nuova gamma Kosmo è utilizzato un telaio con cantonali in alluminio e coibentazione esclusivamente Styrofoam XPS ad alta densità (33 kg/m3). Le pareti laterali, dallo spessore di 34 mm, sfruttano le proprietà di resistenza meccanica, brillantezza e leggerezza dell’allumino “stronglite” per l’esterno, sono costruite con intelaiatura in legno, coibentazione styrofoam XPS come accennato e rivestimento interno in multistrato con finitura Wellschwhite. Una struttura simile caratterizza il tetto, ma con rivestimento interno ed esterno in vetroresina, con il soffitto interno imbottito e rivestito nello stesso tessuto delle pareti. Il pavimento è realizzato invece con un multistrato da 41 mm di spessore, abbinato al rivestimento inferiore in vetroresina, intelaiatura interna in legno, coibentazione sempre in Styrofoam XPS e rivestimento interno in tapiflex.

Il nuovo cupolino dei modelli semintegrali e il frontale dei motorhome sono realizzati con monoblocchi in vetroresina, mentre paraurti, raccordi, spoiler, e bandelle sono in materiale plastico. La porta della cellula, di tipo Premium XL, consente un facile accesso, è dotata di finestra fissa, con apertura e chiusura facilitate da un pistone a gas e dalla serratura di sicurezza a doppio aggancio con chiusura centralizzata.

 

 

 

Lo Styrofoam, polistirene in italiano, è il polimero dello stirene. Nelle forme più semplici ed economiche (EPS) rappresenta il polistirolo usato per imballaggi, isolamento o applicazioni simili. Nella forma più nobile del Polistirene espanso estruso XPS, con diversi livelli di densità, offre superiori proprietà di isolamento e totale insensibilità igroscopica, unite ad un peso molto contenuto: è per questo motivo che viene usato nella coibentazione dei camper. Rispetto alla forma EPS più semplice, la variante XPS vanta proprietà meccaniche, termiche e di resistenza ai carichi maggiori, tanto da essere idoneo addirittura per l’installazione al di sotto di pavimentazioni o sotto le fondazioni degli edifici.

Gli interni

Anche gli interni dei nuovi Kosmo sono stati disegnati dallo studio GFG Style, che ha previsto un’ambientazione moderna, che alterna le tonalità del legno con quelle della pietra per le varie zone del pavimento, mentre gli arredi, in essenza “Forest Green & Stone Grey”, prevedono diverse colorazioni tra Grigio Matt, pietra Oxyde Glimmer, verde Commodoro e bianco lucido Magnolita. Sui nuovi Kosmo viene introdotto anche il piano in Fenix, in essenza verde, una superficie già usata negli Ecovip, che si distingue per le caratteristiche peculiari: anti-impronte, bassa riflessione della luce, la morbidezza al tatto e la riparabilità termica dei graffi superficiali. Particolare attenzione è stata riservata da Laika alla possibilità di personalizzazione delle tappezzerie, che offrono innumerevoli opzioni combinando tutte le varianti tra sedute e cuscini degli schienali.

Il modello L 319, oggetto di questa presentazione, prevede un layout molto classico, apprezzatissimo in tutta Europa, con i letti gemelli in coda e il basculante centrale a comando elettrico. Salendo a bordo, ci accoglie la sobria eleganza del living con semidinette classica ad L, integrata da una panca laterale e dai sedili della cabina girevoli per ospitare fino a 5/6 persone a tavola e tavolo tondo traslabile. Il pannello di comando con strumentazione a led è posto sopra la porta cellula, nella zona d’ingresso, coperto da uno sportello: da qui è possibile monitorare i livelli dei servizi di bordo e azionare gli impianti. Una nicchia a fianco della porta è pronta ad ospitare la TV da 22 o 32 pollici in posizione fruibile dai sedili della dinette e della cabina (girati verso il tavolo).

La zona notte

Come accennato, il Laika Kosmo L 319 prevede due letti gemelli in coda, soluzione gettonatissima nelle richieste del mercato per i vantaggi di fruibilità che garantisce, come il comodo accesso con scalini, pur restando nella lunghezza totale del camper entro i sette metri: l’abbinamento delle due soluzioni non è frequente da trovare. Sotto i letti, con reti a doghe in legno e materassi comfort con rivestimento stretch lavabile in lavatrice, nella parte dei piedi, i due classici guardaroba con aste appendiabiti e ripiani. I letti sono ovviamente unibili al centro per formare un maxi matrimoniale, consuetudine ormai irrinunciabile su questo genere di layout con misure 200 x 80 e 195 x80 – 210 x 184 in modalità matrimoniale; sulla parete di coda di design, due spot di lettura orientabili a collo di cigno, mentre una rete nella zona verso il living provvede alla sicurezza di eventuali bambini che dormissero tra i genitori.

Tutta la zona notte posteriore è servita da due ampie finestre laterali e un grande oblò a soffitto, per una eccellente aereazione. Gli altri due posti letto sono previsti sul matrimoniale, trasversale e centrale, basculante a comando elettrico (misura 200 x 140/123 cm) che scende sulla zona living: il camper può essere opzionato con o senza questa soluzione letto, lasciando al cliente la scelta: installando il letto basculante sopra al soggiorno, l’oblò panoramico viene spostato nella camera da letto posteriore e sostituito da un oblò da 40×40 cm. Un ulteriore quinto posto letto può essere richiesto, sempre in opzione, da preparare sulla dinette con misura 200 x 60 cm.

 

I servizi

La zona centrale del camper è ovviamente riservata ai servizi vista la conformazione della pianta: la cucina ad L, dotata di protezione della parete in cristallo, prevede il piano di lavoro con fornello a tre fuochi in linea lungo la parete, sotto la finestra, lavello a vasca tonda di fianco e barra appendi utensili sulla parete laterale. Sotto, tre ampi cassetti ed un capiente armadio (dotato di cestello scorrevole) offrono spazi comodi di stivaggio, integrati dal pensile in alto. Sopra la cucina, un ampio oblò da 40 x 40 cm, molto comodo in questa posizione.  Il frigo da 140 lt è a sinistra, del tipo “slim tower”, rifinito in una elegante livrea nera.

 

 

Il frigorifero sul camper può essere di tipo trivalente, attualmente ancora la maggioranza, o a compressore (in qualche raro caso anche quadrivalente con applicazioni che sommano i vantaggi di entrambe le soluzioni).

Il funzionamento trivalente si chiama così perché utilizza tre diverse forme di energia, 12v in marcia, gas o 230 v durante la sosta, per riscaldare l’ammoniaca del circuito che serve ad asportare calore e quindi raffreddare attraverso anche un sistema di alette di dissipazione del calore. È un sistema piuttosto efficiente, semplice, relativamente economico e particolarmente fruibile perché consente di avere il frigorifero in funzione sempre e in qualsiasi condizione, anche in sosta libera. Come svantaggio presenta un “delta” di funzionamento, cioè la differenza tra temperatura ambientale e temperatura raggiunta all’interno del frigo, relativamente ristretto di circa 30 gradi, per cui con temperature particolarmente calde in estate può non freddare in modo soddisfacente, specie se la parte dove è ospitato è battuta da sole forte infatti è sempre meglio fare in modo che sia in ombra; inoltre può soffrire di un non perfetto allineamento orizzontale che rallenta la circolazione dell’ammoniaca nel circuito. Il frigo trivalente può essere di tipo AES, ossia con selezione automatica della fonte di energia, non dovendo così modificare manualmente il selettore ad ogni sosta.

Il frigo a compressore utilizza invece lo stesso principio del frigorifero di casa, i gas di raffreddamento vengono tenuti in un circuito a pressione appunto con un compressore e quindi non risentono di problemi di posizionamento, oltre ad essere molto più efficienti nel delta termico che riescono a raggiungere. Come limite, oggi praticamente superato utilizzando le performanti batterie al litio, hanno un assorbimento elettrico molto più elevato di quelli trivalenti che ne limitano il funzionamento se non supportati da adeguata fornitura di corrente, problema evidentemente più sentito in sosta libera se il camper non adotta un impianto sufficientemente dimensionato. Altro limite, marginale ma presente, è una certa rumorosità notturna, ormai davvero limitata con i sistemi “sleep mode” ma che è comunque presente.

Il bagno “Vario” è compatto, per garantire spazio sufficiente ai letti longitudinali posteriori in modo da mantenere la lunghezza globale del camper entro i sette metri. La parete del lavabo con grande specchio può infatti ruotare sull’asse verticale, lasciando spazio abbondante per la doccia, che usa il pavimento come piatto e prevedendo un’asta appendiabiti. A sinistra il classico wc a cassetta della Thetford. La porta della toilette è utilizzabile anche come divisorio tra zona notte e living.

I gavoni

Il Laika Kosmo L 319 prevede un ampio gavone/garage in coda, passante, illuminato e riscaldato, con binari con ganci fermacarico posizionabili e presa di corrente. Gli sportelli sono su entrambi i lati, con quello lato passeggero più grande (95 x 110 cm – 75 x 80 cm lato guida) e chiusura a filo pavimento per facilitare il carico di eventuali biciclette o un motorino: la portata del gavone è infatti di 150 kg, più che sufficienti anche per un ciclomotore oltre ad altro materiale. Sulla fiancata sinistra il vano portabombole, in posizione ribassata per rendere più agevole la sostituzione. Il pavimento interno della cellula prevede una piccola botola con un gavoncino di servizio, utile per le scarpe ad esempio, o altro materiale.

Gli impianti

Il riscaldamento del Laika Kreos L 319 è affidato ad una stufa ad aria canalizzata da 6 kW. L’impianto elettrico è del tipo “full led” multilivello, e comprende anche le luci segnapasso notturne e la luce veranda a sempre a led. Numerose le prese disponibili: 1 a 12v, 3 a 230v, 2+2 usb, 1 tv. L’impianto prevede la predisposizione per tv e antenna satellitare. I serbatoi delle acque prevedono la capacità di 110 lt/20 in marcia per quello delle chiare (interno, in posizione antigelo) e 90 lt per quello delle acque reflue, con comando di apertura/chiusura di sicurezza. I tubi di scarico dispongono di sifoni antiodore e il serbatoio delle acque grigie di uno sfiato esterno.

Prezzi e pacchetti

Il Laika Kosmo L 319 costa 79.999 euro (listino agosto 2023) in versione standard. Può essere opzionato con quattro diversi pacchetti aggiuntivi (Chassis euro 852, Chassis Design euro 781, Driving Assistance System Pack euro 1.151 e Pacchetto Multimedia euro 2.506), oltre ovviamente da una lista di accessori ordinabili singolarmente.

Ti potrebbe interessare