Campeggi

Valle d’Aosta per vivere l’autunno

Se l’autunno porta sempre con sé meravigliosi colori viverlo in Valle d’Aosta regala di certo un’emozione in più. Le maestose montagne che si tingono di sfumature dorate, gli animali che con più facilità si possono incontrare passeggiando nella ritrovata tranquillità dei sentieri, i preziosi frutti autunnali come le castagne e i funghi, che rendono ancora più deliziosi i piatti della cucina tipica e l’aria frizzantina che invita ad esplorare fanno di questa stagione un momento speciale per vivere la zona.

Organizzare una vacanza in questa regione nel periodo autunnale permette di prendersi una pausa dalla routine quotidiana, facendo il pieno di energie in attesa che la neve invernale copra tutto con il suo manto bianco. Perché l’autunno è una stagione per pochi, ma regala moltissimo a chi sa coglierne l’essenza.

L’autunno a Châtillon, tra castelli e boschi pieni di colori

Noi oggi vi portiamo a fare un tuffo nell’autunno valdostano nella zona di Châtillon, da scoprire a piedi o in mountain bike ma anche in sella ad un cavallo, in armonia con i ritmi lenti della natura e alla ricerca di nuovi angoli panoramici. Qui il paesaggio regala ai viaggiatori boschi rigogliosi, castelli che fanno fare un tuffo nel passato e antichi mulini mentre la Dora scorre tumultuosamente poco lontano.

Gli appassionati del foliage rimarranno incantati dai colori di cui si veste questo territorio, in cui si trovano due luoghi speciali per ammirare questo spettacolo: il parco del Castello Passerin d’Entrèves e quello del castello del Baron Gamba. Grazie infatti alla varietà di specie arboree presenti nelle tenute di questi due antichi manieri è possibile ammirare tutte le sfumature della tavolozza dell’autunno, passando dal rosso intenso degli aceri, all’arancio dei castagni fino al violaceo delle foglie della vite. Un momento magico da vivere e fotografare!

Il castello Passerin d’Entrèves, chiamato anche semplicemente castello di Châtillon, è oggi una signorile villa moderna che domina dall’alto il borgo di Châtillon. Posto su un’altura alle spalle della chiesa parrocchiale del paese un tempo conservava al suo interno l’importante archivio della famiglia Challant, una delle più influenti della storia valdostana. Il castello è circondato da un parco aperto al pubblico in stile francese abbellito da alberi monumentali dove spicca il maestoso “viale dei tigli e dei faggi”. L’attuale conformazione si deve alla volontà di Paolina Solaro di Govone, sposa di Giorgio Francesco di Challant, che a partire dal 1706, ordinò la piantumazione di nuove piante che oggi sono tutelate come “monumentali”. Tra queste vi sono un tiglio che raggiunge i 5 metri di circonferenza, un maestoso faggio, il cedro dell’Atlante e poi frassini, querce ed aceri.

ll castello Gamba (anche conosciuto come castello Baron Gamba) è un altro dei tre presenti nel comune di Châtillon. Mentre però quello dei Passerin d’Entrèves è di epoca medievale il Castello Gamba è novecentesco e per questo considerato un castello minore. Situato su un poggio, è completamente circondato da un parco aperto al pubblico e il suo lato meridionale è proprio a strapiombo sulla Dora Baltea.  La dimora fu voluta dal barone torinese Carlo Maurizio Gamba per far sì che l’amatissima sposa Angélique Passerin d’Entrèves potesse trascorrere lunghi periodi vicina alla famiglia di origine, che risiedeva nel castello di Châtillon. Il progetto d’amore del Barone si dovette però scontrare con un infausto destino visto che la Baronessa venne colpita da un male incurabile e si spense dopo pochissimi anni dal completamento della nuova dimora. L’ampio parco è percorso da vialetti circondati da piante, tra cui spiccano tre alberi monumentali: la sequoia gigante risalente al 1888, il centenario spino di Giuda e un cipresso calvo. L’edifico è oggi sede museale e ospita una ricca collezione di arte moderna e contemporanea regionale.

Un soggiorno autunnale a Châtillon

Tra le strutture d’eccezione per organizzare un meraviglioso weekend autunnale a Châtillon c’è di certo il DalaiLama Village, il posto perfetto per chi vuole rilassarsi, camminare o pedalare nella natura. Si tratta di un villaggio vacanze capace di accogliere al meglio i viaggiatori, sia i piccoli che i grandi, grazie anche all’offerta di una ristorazione d’eccellenza che propone piatti della cucina locale e al centro benessere Harmonia dove perfino i più piccini hanno a disposizione una zona tutta per loro.

In questo villaggio, oltre all’area campeggio, dove spiccano le ampie piazzole confort panoramiche affacciate sulle montagne, ci sono poi i bungalow e spettacolari le maisonette, piccole suites in legno, dotate di ampie vetrate da cui si gode una meravigliosa vista a 360° sul paesaggio circostante.

Tra le novità della stagione in arrivo c’è – oltre alla nuovissima sala meeting dedicata ad accogliere corsi di formazione, workshop e conferenze – anche la possibilità di regalare un’esperienza ai propri cari. Il Dalai Lama ha infatti attivato un servizio di buoni regalo con varie alternative tra cui è possibile scegliere. Le opzioni sono diverse: una cena, un soggiorno romantico ma anche un massaggio rilassante o una emozionante corsa con i cani da slitta. Inoltre da questo autunno anche gli ospiti a quattro zampe sono i benvenuti nelle maisonette: in fase di prenotazione è necessario segnalare la presenza dell’animale così da vedersi assegnare il corretto bungalow. Maggiori informazioni le trovate sul sito della struttura: http://www.dalailamavillage.it/news-campeggio-villaggio-chatillon.html

Dalai Lama Village

Dalai Lama Village gastronomia

Ti potrebbe piacere anche